vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Castelnuovo Magra appartiene a: Regione Liguria - Provincia di La Spezia

Collegamenti ai social networks

Seguici su

I vini e il Vermentino

L’agricoltura ha avuto nel tempo un’importanza fondamentale per la gran parte della popolazione di Castelnuovo Magra. Le sue colline sono ricoperte da oliveti e vigneti ben curati, taluni di nuovo impianto. La pianura, in cui è compresa la frazione di Molicciara, è attraversata dal torrente Bettigna e vi insiste una porzione del Canale Lunense, opera idrica ottocentesca realizzata a scopo irriguo, i cui argini ancora percorribili collegano la piana di Castelnuovo ai comuni vicini.

Per il clima favorevole, una delle prime e più importanti coltivazioni ad essere introdotte in queste terre fu quella dell’olivo, che ha mantenuto inalterata negli anni la sua importanza.

Non meno importante nell’economia Castelnovese la coltivazione della vite, che consente di avere, oggi, grazie al lavoro e all’impegno di agricoltori capaci e coraggiosi, produzioni conosciute e apprezzate come quelle del Vermentino dei Colli di Luni. Dai dati emessi dalla Camera di Commercio della Spezia per l’anno 2007 risulta che il territorio Castelnovese si conferma saldamente in testa alla classifica come primo produttore di vermentino Doc di tutta la provincia spezzina, con 177.062 litri nel 2007. Quasi un terzo dell’intera produzione provinciale viene da Castelnuovo Magra.

Dato che conferma come l’impresa vitivinicola locale rappresenti, oramai da anni, la principale attività economica, con una presenza di 53 imprese attive nel settore dell’agricoltura. Non a caso Castelnuovo Magra è sede dell’Enoteca Pubblica della Liguria e della Lunigiana, prima enoteca pubblica della Regione, che ha sede nelle cantine del Palazzo Civico e rappresenta un mirabile esempio di promozione della produzione enologica locale.

Il Comune di Castelnuovo Magra è inoltre capofila del progetto VER.TOUR.MER, (Salvaguardia e Valorizzazione del Territorio/Terroir del Vermentino) del P. O. Italia Francia Marittimo finanziato dalla comunità Europea.

Link